Space: Francia, innovazioni alla fiera 2017

Una vera e propria vetrina delle competenze degli allevatori e dei tecnici del settore. Che proporranno le ultime novità nel campo della zootecnia e presenteranno il top della genetica animale. L’appuntamento è dal 12 al 15 settembre prossimi. Ecco però come è andata nel 2016


space

La 31esima edizione di Space, il salone dedicato ai professionisti delle produzioni animali, avrà luogo da martedì 12 a venerdì 15 settembre 2017 al Parc-Expo di Rennes, città situata in Bretagna (Francia). Questi quattro giorni di fiera permetteranno ai professionisti del settore zootecnico di incontrarsi, scambiare opinioni e scoprire tutte le ultime novità del mondo dell’allevamento. I partecipanti dell’edizione 2017 di Space condivideranno queste giornate che celebrano il “nuovo anno agricolo” in un’atmosfera professionale, conviviale e sempre più internazionale. Un evento unico a livello mondiale e molto atteso per chi si occupa di produzioni animali, dal settore dei bovini (latte e carne) a quelli avicolo, suino, cunicolo, ovino e caprino.

L’edizione 2016 in numeri

Sono stati 1.447 gli espositori che hanno partecipato a Space 2016 (di cui 490 internazionali, provenienti da 42 nazioni). Una partecipazione che si è mantenuta allo stesso livello dell’anno precedente (erano 1.441 nel 2015).

Il settore più rappresentato dagli espositori è stato quello dedicato all’alimentazione e nutrizione animale con 819 aziende, seguito dal settore dedicato alle attrezzature che ha contato 407 espositori. Al terzo posto il settore dei materiali per l’allevamento (manutenzione, trasporto, lavorazione del terreno e raccolta dei foraggi) con 384 presenze. Sono stati 312 gli espositori specializzati in edilizia per l’allevamento; 228 le aziende specializzate in genetica; 181 gli espositori che hanno proposto soluzioni per il trattamento dei reflui dell’allevamento; 157 le offerte per interventi in campo energetico; 155 le aziende specializzate nella cura della salute animale; e, infine, 57 le soluzioni offerte per la mungitura.

Inoltre, la superficie totale di esposizione è stata di 156mila m2, 11 padiglioni al coperto e 278 espositori all’esterno.

Per quanto riguarda i visitatori invece, dei 101.963 totali, 12.022 provenivano da 120 nazioni diverse e 89.941 provenivano dalle diverse regioni della Francia. Questi ultimi erano per il 58% allevatori (in particolare: 27.656 allevatori di animali da latte, 12.696 produttori di carne bovina, 8.961 produttori di carne suina, 7.771 avicoltori); per il 36% dirigenti d’azienda, tecnici, consulenti, studenti; per il 6% altre tipologie di interessi. Rispetto al 2015, il numero dei visitatori ha registrato un leggero calo (nel 2015: 106.226 visitatori, di cui 15.042 stranieri).

Innovazione, ricerca e sviluppo

L’edizione trascorsa è stata contraddistinta dall’innovazione al servizio delle produzioni animali. I 50 Innov’Space presentati negli stand, di cui 5 con menzione speciale, sono stati particolarmente apprezzati dai visitatori e hanno rafforzato il livello qualitativo delle presentazioni delle aziende.

La piattaforma Ricerca & sviluppo, che ha avuto come tema “Produrre domani – Clima – Energia – Territorio”, ha permesso ai visitatori di riflettere sulle sfide future del settore zootecnico. In particolare si è voluto attirare l’attenzione degli allevatori su argomenti quali le emissioni di gas a effetto serra e il mercato del carbonio.

Scambi internazionali

Inoltre, Space è stata ancora una volta un vero e proprio trampolino per l’impiego e per gli scambi internazionali, grazie ai 300 posti da assegnare tramite i job-dating organizzati da Apecita e agli oltre 300 appuntamenti B2B tra espositori e investitori internazionali organizzati da Entreprise Europe Network.

Per i visitatori internazionali l’ingresso è stato gratuito, con accoglienza al Club international, visite in allevamenti e guida alle lingue.

Mostre e presentazioni animali

Le presentazioni animali, a loro volta, hanno apportato il loro contributo al fascino e alla qualità dell’evento. 550 bovini provenienti da razze diverse si sono alternati sul ring. Sono stati inoltre presentati 150 animali di 10 razze ovine e caprine.

Alla ribalta la razza Montbéliarde e la razza Rouge des Prés.

 

La parola ai VISITATORI

Secondo i risultati dei sondaggi Adquation 2016, è stato rilevato che per il 95% dei visitatori francesi Space rappresenta un luogo ideale per scoprire le ultime novità in termini di allevamento; l’89% dei visitatori internazionali ha incontrato nuovi partner durante la visita; 8/10 è il voto medio assegnato a Space 2016 dai suoi visitatori.

 

La parola agli ESPOSITORI

Per quanto riguarda la valutazione degli espositori, l’89% è soddisfatto della qualità dei contatti professionali, l’83% considera Space come un vettore ideale per far conoscere le proprie innovazioni. (Dati Adquation 2016)

 

 

Leggi l’articolo su Informatore Zootecnico n. 6/2017

L’edicola di Informatore Zootecnico


Pubblica un commento