Lely business forage va alla ditta Agco corporation

Da Lely – Per rafforzare il ruolo di innovatore nel segmento Dairy


lely

Lely, azienda di famiglia con una presenza internazionale, ha intenzione di vendere il suo business Forage, che produce macchine per la fienagione, ad Agco Corporation, riconosciuto protagonista mondiale nella progettazione, fabbricazione e distribuzione di macchinari agricoli.

Pensando al futuro, la vendita dell’attività Forage permetterà a Lely di concentrarsi totalmente sul segmento Dairy, con lo sviluppo di robot di mungitura e altre innovazioni per incrementare l’efficienza, la sostenibilità e il benessere degli animali negli allevamenti. Grazie alla sua straordinaria esperienza con sistemi automatizzati, Lely potrà rafforzare ulteriormente la sua posizione di leadership in qualità di innovatore nel settore Dairy a livello mondiale. L’acquisizione consente ad Agco Corportion di ampliare la propria gamma di macchine per la fienagione.

Scelte determinate dagli sviluppi del mercato

Finora, l’azienda di famiglia Lely si è dedicata a due categorie di prodotti e di mercati completamente diverse, con le sue business unit Dairy e Forage. Questo ha indotto tempo fa la società a dare avvio a un riorientamento strategico. Dall’analisi è emerso che per poter continuare a operare con successo sul mercato, l’organizzazione deve adattarsi ai crescenti requisiti dei suoi diversi gruppi di prodotti.

Il riorientamento strategico ha indotto Lely a scegliere di concentrarsi sullo sviluppo della robotica e di altre innovazioni per il settore dell’allevamento di vacche da latte. Il Ceo Alexander van der Lely ha dichiarato: «Lely si dedicherà interamente al proprio ruolo di innovatore nel campo della robotizzazione e dei sistemi di sensori e dati per gli allevamenti di vacche da latte. Nel corso degli ultimi 15 anni, questi gruppi di prodotti sono cresciuti fino a diventare un’attività di successo per Lely, con un enorme potenziale per il futuro. Oltre all’innovativo robot di mungitura, sono stati sviluppati anche altri prodotti basati essenzialmente sull’automazione con l’ausilio di robot». La produzione di queste macchine per il settore Dairy rimarrà a Maassluis (Paesi Bassi), Pella (Stati Uniti) e Leer (Germania).

Martin Richenhagen, Ceo di Agco, commenta: «L’integrazione della competenza di primissimo livello maturata da Lely nel settore della fienagione e della raccolta rafforzerà ulteriormente i nostri rapporti con i nostri rivenditori e clienti in tutto il mondo».

Effetti sull’occupazione

Questa proposta di vendita delle attività Forage ha delle ripercussioni sull’occupazione in Lely:

– le macchine Forage che sono prodotte a Maassluis, Paesi Bassi (falciatrici, spandivoltafieno e giroandanatori) si sovrappongono alla gamma di Agco Corporation. Successivamente alla vendita, la produzione a Maassluis verrà ridotta. Si prevede che queste attività cesseranno a partire dal 31 marzo 2018;

– tutti i dipendenti nei Paesi Bassi rimarranno alle dipendenze di Lely. Circa 95 persone che lavorano nella produzione verranno temporaneamente distaccate ad Agco Corporation. Si sta cercando una soluzione per il loro futuro successivo dentro o fuori dalla società;

– gli stabilimenti tedeschi di Wolfenbüttel (rotopresse) e di Waldstetten (carri autocaricanti) diverranno di proprietà di Agco Corporation e i dipendenti verranno assunti da Agco Corporation. Gijs Scholman, vice presidente di Lely, spiega: «La vendita della business unit Forage offre a questi dipendenti la possibilità di un futuro migliore, con una società interamente dedicata alla fabbricazione di trattori e macchinari agricoli».

– Un certo numero di dipendenti Forage delle nostre filiali locali, per intenderci come Lely Italia, le Lely Support Organisation (Lso) verranno assunti da Agco Corporation.

È stato chiesto il parere del Consiglio di fabbrica congiunto dei Paesi Bassi in merito alla proposta di vendita, distacco e riorganizzazione dell’organizzazione. Sono stati informati anche i sindacati pertinenti.

Per Lely, un’azienda di famiglia che ha esordito con prodotti per la fienagione, si tratta di un passo molto radicale, che vogliono fare con la massima cautela. Lely attribuisce grande importanza al trattamento onesto e rispettoso dei propri dipendenti. Il punto di partenza per i piani previsti rimane quello di mantenere il maggior numero di posti di lavoro possibile e di lavorare con i dipendenti alla costruzione di un futuro solido per la società nel settore dell’allevamento.

 

INFORMAZIONI SUL GRUPPO LELY

Da quando è stata fondata nel 1948, Lely indirizza tutti i propri sforzi per creare un futuro sostenibile, redditizio e positivo per i propri clienti. Lely è impegnata nello sviluppo di concetti di business che consentano di lavorare nell’ambito delle aziende di allevamento in modo sostenibile dal punto di vista energetico. Ogni giorno ispiriamo le persone a portare soluzioni innovative ai nostri clienti, da consigli al supporto nella messa in atto delle scelte da essi fatte.

Da anni Lely è il leader indiscusso in sistemi di mungitura automatizzati. Il Gruppo Lely è attivo in oltre 60 paesi e conta quasi 2mila dipendenti.

Per saperne di più: www.lely.com.

 

INFORMAZIONI SU AGCO

Agco (Nyse: Agco) è leader globale nella progettazione, fabbricazione e distribuzione di soluzioni per l’agricoltura e supporta un allevamento più produttivo grazie alla sua linea completa di apparecchiature e servizi correlati. I prodotti di Agco vengono venduti sotto cinque marchi core, Challenger, Fendt, Gsi, Massey Ferguson e Valtra, supportati dalle tecnologie di precisione Fuse e da servizi di ottimizzazione dell’allevamento; vengono distribuiti a livello globale attraverso una combinazione di oltre 3mila rivenditori e distributori indipendenti in più di 150 paesi.

Fondata nel 1990, Agco ha la propria sede centrale a Duluth, Ga, Usa. Nel 2016 Agco ha fatto registrare un fatturato netto di $7,4 miliardi.

Per maggiori informazioni, visitare il sito www.Agcocorp.com.

 

Leggi l’articolo completo di box, grafici e tabelle su Informatore Zootecnico n. 6/2017

L’edicola di Informatore Zootecnico


Pubblica un commento